Cervantes

Hoy es el día más hermoso de nuestra vida, querido Sancho; los obstáculos más grandes, nuestras propias indecisiones; nuestro enemigo más fuerte, el miedo al poderoso y a nosotros mismos; la cosa más fácil, equivocarnos; la más destructiva, la mentira y el egoísmo; la peor derrota, el desaliento; los defectos más peligrosos, la soberbia y el rencor; las sensaciones más gratas, la buena conciencia, el esfuerzo para ser mejores sin ser perfectos, y sobretodo, la disposición para hacer el bien y combatir la injusticia dondequiera que esté.

MIGUEL DE CERVANTES
Don Quijote de la Mancha.

5 de enero de 2017

L’allarme del Guardian: Putin può aiutare Grillo a vincere

epa05693409 Russian President Vladimir Putin makes his New Year Address to the Nation ahead of 2017 in the Kremlin, Moscow, Russia, 31 December 2016. MANDATORY CREDIT/SPUTNIK/
Il quotidiano britannico cita diverse fonti diplomatiche occidentali in Italia, preoccupate per le conseguenze di un eventuale governo targato M5S
Perché il Movimento Cinquestelle ha cambiato così repentinamente linea sui rapporti con la Russia? Se lo chiede il quotidiano britannico The Guardian in un articolo pubblicato oggi. Ma il giornale va ben oltre questo interrogativo e cita diverse fonti diplomatiche occidentali di stanza a Roma, che esprimono una preoccupazione diffusa sulle possibili conseguenze di un’ascesa al potere in Italia dei grillini.
Il Guardian non si spinge fino a ipotizzare esplicitamente un intervento diretto della Russia per condizionare l’esito del voto in Italia, così come si sospetta sia accaduto negli Usa in favore di Trump. Un passaggio dell’articolo, però, lascia presagire anche questa eventualità: “Una manciata di diplomatici – si legge nel pezzo firmato da Stephanie Kirchgaessner – ha anche suggerito che il Partito democratico, ancora guidato dall’ex premier Matteo Renzi, potrebbe non essere del tutto in guardia rispetto alla possibile minaccia di un’interferenza russa nelle elezioni italiane e non è abbastanza preoccupato, come dovrebbe essere”.
La replica del Movimento è affidata a Danilo Toninelli, che su Twitter definisce una bufala l’articolo del Guardian.

Quello che scrive Toninelli è in parte vero, perché l’articolo mette in evidenza come effettivamente stia crescendo in Occidente la preoccupazione per una possibile vittoria. Un’ipotesi, quella di vedere il M5S al governo dell’Italia, che per i diplomatici interpellati dal Guardian non è molto realistica, soprattutto per la scelta dei grillini di non stringere alleanze con nessun altro partito, ma che comunque tiene in allarme le ambasciate dei partner occidentali in Italia.
Quello che il quotidiano britannico mette in evidenza non è tanto una partnership ricercata dal Cremlino con il M5S, quanto piuttosto il contrario. Sono i Cinquestelle, si sottolinea, ad essersi avvicinati sorprendentemente quanto repentinamente a una linea filo-russa. “Non capiamo perché stiano dalla parte di Putin e non da quella delle Pussy Riots”, si chiede un diplomatico occidentale citato nell’articolo.
L’analisi inizia dal 2006, quando Grillo, in un suo post all’indomani dell’uccisione della giornalista Anna Politkovskaya, si scagliava apertamente contro Mosca. Da quel momento, però, la posizione del comico e dei suoi fedelissimi è cambiata radicalmente, attaccando le sanzioni anti-Russia imposte dall’Ue, sostenendo la posizione del Cremlino sulla Siria, attaccando la Nato, descrivendo la crisi ucraina come un risultato dell’intromissione di Europa e Usa negli affari russi.
Perché? Per i diplomatici interpellati è presto detto: il M5S pensa che questa linea possa portargli un vantaggio nelle urne. Una posizione strumentale, quindi, che si inscrive all’interno di una più generica retorica anti-europea e anti-occidentale. Ma che a Mosca è già stata notata, come dimostrano alcune dichiarazioni di esponenti vicinissimi a Putin (il Guardian cita Alexander Dugin).
È presto per dire a cosa questo possa portare. Ma il pericoloso intreccio tra utilizzo opaco della rete, difesa a oltranza della cosiddetta post-verità per manipolare l’opinione pubblica, messa in discussione dei principi della democrazia liberale, attacchi all’Europa e alle sue istituzioni, rischia di legare indissolubilmente i destini di Grillo e di Putin. Che questo possa preoccupare gli analisti e i partner occidentali è comprensibile, soprattutto se sommato ad analoghe tendenze che si verificano negli Usa con Trump e in Francia con Le Pen, tutti legati in una sorta di ‘internazionale populista’.

Alerta Venezuela

No dejen de ver este conmovedor video

LatinoAmérica Calle 13

Así preparan la cocaína: un cocktel de venenos.

The American Dream

Facebook, Israel y la CIA


La Revolucion de la Clase Media

Descontento en el corazon del capitalismo: el Reino Unido

Descontento en el corazon del capitalismo: el Reino Unido

La Ola se extiende por todo el mundo arabe : Bahrein

La Caida de un Mercenario

La Revolucion no sera transmitida (I)

(II) La revolucion so sera transmitida

(III) La Revolucion no sera transmitida

(IV) La Revolucion no sera transmitida

(V) La Revolucion no sera transmitida

(VI) La Revolucion no sera transmitida

(VII) La revolucion no sera transmitida

(VIII) La Revolucion no sera transmitida

Narcotrafico SA

La otra cara del capitalismo...

Manuel Rosales mantenia a la oposicion con el presupuesto de la Gobernacion del Zulia...

El petroleo como arma segun Soros

Lastima que se agacho...

El terrorismo del imperio

Promocional DMG

Uribe y DMG